Concerti

click per scaricare:

programma generale
(programmi di sala: click sulle date)

ATTENZIONE:
Contrariamente a quanto annunciato in precedenza,
il doppio concerto finale (ore 16 e 19) del 14 settembre
non si svolgerà nella chiesa S.Marta di Carona (chiusa per restauri), bensì nella chiesa San Siro a Carabbia.

 

Ceresio Estate continua la fruttuosa collaborazione con orchestre regionali italiane e invita quest’anno, in apertura della quarantaquattresima edizione, i Filarmonici di Trento. L’ orchestra, fondata nel 1999 con lo scopo di valorizzare le energie creative ed artistiche presenti sul territorio, dedica particolare attenzione alla promozione dei giovani solisti. Il programma del concerto inaugurale del 22 giugno al Centro Scolastico di Montagnola prevede due inarrivabili classici del repertorio orchestrale: la Sinfonia n.6 “Pastorale” di Beethoven e il Concerto per violino e orchestra in re maggiore di Tchaikovsky. Solista della serata sarà la beniamina del pubblico di Ceresio Estate Maristella Patuzzi, mentre sul podio del direttore salirà suo fratello Michele Patuzzi.

Il 7 luglio, di ritorno sul poggio di Sorengo, Ceresio Estate presenterà, nella chiesa di Santa Maria Assunta, un concerto del flautista potentino Mario Bruno e del chitarrista luganese Lorenzo Reggiani. I due giovani e brillanti solisti si sono conosciuti in occasione di un récital condiviso nella stagione 2016 e da allora formano un affiatatissimo duo. Per la serata di Sorengo hanno allestito un programma che mette a confronto le geometrie barocche di Bach e Händel con le sonorità moderne ed “esotiche” di compositori del novecento quali Tōru Takemitsu e Ravi Shankar.

Il 13 luglio nella chiesa di Sant’Abbondio a Gentilino si potranno ascoltare estratti dalla “Winterreise” in una particolarissima versione ad opera del formidabile basso-baritono Thomas Stimmel accompagnato non da un pianoforte, bensì dai tre sassofoni di Sax Allemande. Il trio, già ospite di Ceresio Estate nel 2015, ha elaborato una serie di trascrizioni di Lieder del ciclo schubertiano, con un risultato sorprendente quanto sensibile e fedele agli intenti del compositore. Completano il programma gustosi arrangiamenti di brani di George Gershwin (tra cui i “Tre Preludi”) e Scott Joplin.

Il quarto appuntamento dell’edizione 2019 segna altri due ritorni: quello di Ceresio Estate nel Malcantone e quello dell’estroso Kaleidoscope String Quartet. Nel concerto, che si terrà il 16 luglio nella graziosa chiesa parrocchiale di Caslano, il quartetto zurighese, che si esibisce rigorosamente senza spartiti e ha fatto dell’improvvisazione uno dei suoi marchi di fabbrica, presenterà brani da “Reflections”, il suo nuovo e acclamato lavoro discografico.

La serie dei quartetti continua con il giovane ensemble Tromboncino, che prende il nome dal compositore e trombonista rinascimentale Bartolomeo Tromboncino e si dedica con passione al repertorio di questo versatile e un po’ negletto strumento attraverso i secoli. Per il concerto previsto il 24 luglio nel magnifico Parco Scherrer di Morcote i quattro premiati musicisti svizzero-tedeschi hanno preparato un godibile programma di autori del novecento, che non mancherà di mettere in risalto la voce vellutata dei loro strumenti dorati.

Il 29 luglio a Torricella nella chiesa dedicata ai SS. Biagio e Maurizio – fresca di restauro – si esibirà il duo formato dalla violinista estone Mari Poll, attualmente spalla dell’Orchestra Sinfonica di Stravanger (Norvegia), e dall’ottimo fisarmonicista serbo Momir Novakovic, diplomato del Conservatorio della Svizzera Italiana ormai lanciato in una carriera internazionale. In programma, oltre a un nuovo brano scritto appositamente per il duo dalla compositrice Tamara Basaric-Quadroni  – di origine serbo-croata e ora residente in Ticino – adattamenti di opere per violino e pianoforte di Schubert, Schumann, Shostakovich e Pärt.

Evento centrale della stagione 2019 sarà il concerto de I Barocchisti il 31 luglio nella chiesa parrocchiale di Tesserete. Diego Fasolis, direttore di fama internazionale e amico di lunga data di Ceresio Estate, guiderà dal clavicembalo la sua fedele compagine in un avvincente programma con opere di Bach e Vivaldi.

Il 3 agosto nella collinare chiesa di San Giorgio di Origlio risuoneranno i delicati ricami dell’arciliuto e della chitarra barocca di Simone Vallerotonda, che il pubblico di Ceresio Estate si ricorderà in un memorabile concerto con il suo ensemble “I Bassifondi”. Questa volta Vallerotonda, musicista raffinato, capace di interpretare con piglio coinvolgente musiche antiche, eseguirà in perfetta solitudine un programma dedicato ai liutisti e chitarristi attivi nella Roma del diciassettesimo secolo.

L’accogliente Corte di Bigogno d’Agra farà da scenario, il 9 agosto, all’esibizione del duo formato dalla cantante Dilene Ferraz e dal chitarrista Sergio Fabian Lavia. La coppia – brasiliana lei e argentino lui – proporrà un programma che alterna suggestivi brani originali a composizioni e canzoni popolari di autori sudamericani, tra cui le celeberrime “O que sera” di Chico Buarque e “Besame mucho” di Consuelo Velasquez.

Secondo appuntamento sinfonico della stagione il 15 agosto al Centro Scolastico di Montagnola. Sul palco salirà l’Orchestra della Svizzera italiana in un programma – realizzato in sinergia con il festival Ticino e Grigioni DOCG – che vedrà protagonisti alcuni solisti ticinesi con la direzione di Kevin Griffiths

Il 20 agosto Vico Morcote ospiterà nella sua bella chiesa parrocchiale l’ARTE Quartett, ensemble di sassofoni di cui il “momò” Andrea Formenti è membro fondatore. Il gruppo, attivo da più di vent’anni, si è specializzato nell’esecuzione di musica nuova e collabora abitualmente con compositori contemporanei. Per Ceresio Estate ha invece preparato un  intrigante programma che alterna trascrizioni di opere di Jean-Philippe Rameau (1683-1764) e Maurice Ravel (1875-1935).

 L’immancabile tappa di Ceresio Estate nella chiesa di S.Maria del Sasso a Morcote vedrà  esibirsi, il 25 agosto, l’emergente ensemble thélème. Quattro stupende voci maschili eseguiranno, accompagnate da un liuto, un ricco programma, intitolato “Encyclopaedia Clementina” , che illustra la collaborazione tra i due “Clément” (il compositore Janequin e il poeta Marot) del rinascimento francese.

Il 30 agosto nella chiesa di San Vigilio a Gandria gli ascoltatori potranno assistere, con un programma a sorpresa, alla nascita di un nuovo  duo. Ceresio Estate ha infatti pensato di invitare la giovanissima sassofonista britannica Jess Gillam – definita “star saxophonist” dal prestigioso quotidiano “The Guardian” – ad esibirsi in compagnia del carismatico chitarrista Miloš Karadaglić, già ospite della rassegna alcuni anni fa.

Altro gradito ritorno a Ceresio Estate, il 5 settembre nella chiesa parrocchiale di Pambio-Noranco, è quello del Quartetto Energie Nove, formato dai “nostrani”  Hans Liviabella e Barbara Ciannamea (violini), Ivan Vukcetic (viola) e Felix Vogelsang (violoncello), tutti membri dell’Orchestra della Svizzera italiana. Il gruppo si dedica da anni all’interpretazione del grande repertorio quartettistico, senza disdegnare la scoperta o riscoperta di opere meno conosciute. Ha ricevuto lusinghieri consensi in tutta Europa e ha al suo attivo diverse produzioni audiovisive. Il programma della serata si aprirà con una composizione di Lino Liviabella (nonno di Hans) e prevede nella seconda parte il Quartetto No.12 in mi bemolle maggiore op.127, primo dell’ultima febbrile serie dei quartetti di Ludwig van Beethoven (1770-1827).

Divertimento assicurato il 10 settembre al Parco Scherrer di Morcote con “The Violinists”, ovvero i fratelli Vladimir e Anton Jablokov, che rappresentano la quarta generazione di una stirpe di violinisti slovacchi. Mentre Anton si è perfezionato con Sergej Krilov ottenendo un master al Conservatorio della Svizzera italiana, Vladimir ha svolto i primi passi nella professione come busker nelle strade di Dublino. Successivamente il duo si è esibito in contesti prestigiosi quali i BBC Proms, Il London Palladium e la National Concert Hall di Dublino.  A Morcote presenteranno un eclettico e trascinante programma di arrangiamenti, che spazia da Brahms ai Coldplay, passando per la musica popolare e i temi da film di Nino Rota e Henry Mancini. Ad accompagnarli ci saranno Adam Kuruc (tastiera) e Simone Turcolin (contrabbasso).

Il 14 settembre, nella chiesa di San Siro a Carabbia, fedele alla propria vocazione di sostenere e promuovere progetti didattico-musicali di alto livello, Ceresio Estate, offrirà al pubblico la possibilità di assistere, in occasione di un doppio concerto (pomeridiano e serale) al risultato di una settimana di studi sotto la direzione del pianista Filippo Gamba, rinomato docente alla Musik-Akademie Basel.
Ad esibirsi, sotto il nome di M.A.D. Ensemble sarà un gruppo di talentosi giovani musicisti.
Il programma della full immersion alla Casa Pantrovà di Carona e dei concerti finali comprende musica da camera per pianoforte e archi, dal trio al quartetto e quintetto, di Beethoven, Brahms, Dovrak e Weinberg.